• Aggiornamento delle Norme Tecniche delle Costruzioni

Prima applicazione del D.M. 17.01.2018 - Aggiornamento delle "Norme Tecniche per le Costruzioni"

Home | News | Prima applicazione del D.M. 17.01.2018 - Aggiornamento delle "Norme Tecniche per le Costruzioni"
Lunedì, 26 Marzo, 2018

Nella Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20.02.2018, S.O. n. 8, è stato pubblicato l'aggiornamento delle Norme Tecniche per le Costruzioni.

Rispetto al Testo del 2008, il testo normativo è stato parzialmente rivisto, integrato ed aggiornato comportando alcuni cambiamenti circa le attività dei Laboratori di prova e gli adempimenti a carico della Direzione dei Lavori.

  1. Il § 8.5.3 delle NTC18, in merito alle prove per la caratterizzazione dei materiali ai fini della valutazione degli edifici esistenti, introduce la nuova disposizione per cui: “Per le prove di cui alla Circolare 08 settembre 2010, n. 7617/STC o eventuali successive modifiche o interazioni1, il prelievo dei campioni dalla struttura e l’esecuzione delle prove stesse devono essere effettuate a cura di un laboratorio di cui all’articolo 59 del DPR 380/2001.” Sulla base di analogo principio, §11.2.2 delle NTC18, in merito alle prove di accettazione in cantiere sul calcestruzzo, stabilisce che “Le prove di accettazione e le eventuali prove complementari, compresi i carotaggi di cui al punto 11.2.6, devono essere eseguite e certificate dai laboratori di cui all’art. 59 del DPR n. 380/2001”.
  2. Il § 11.2.5.3 delle NTC18 ribadisce che: “Il laboratorio verifica lo stato dei provini e la documentazione di riferimento ed in caso di anomalie riscontrate sui campioni oppure di mancanza totale o parziale degli strumenti idonei per la identificazione degli stessi, deve sospendere l’esecuzione delle prove e darne notizia al Servizio Tecnico Centrale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici”. “La domanda di prove al laboratorio deve essere sottoscritta dal Direttore dei Lavori e deve contenere precise indicazioni sulla posizione delle strutture interessate da ciascun prelievo.”, diversamente pertanto il Laboratorio non accetterà i relativi campioni.
  3. Le NTC18 dispongono, inoltre, che: “Le prove a compressione vanno eseguite conformemente alle norme UNI EN 12390-3:2009, tra il 28° e il 30° giorno di maturazione e comunque entro 45 giorni dalla data di prelievo. In caso di mancato rispetto di tali termini le prove di compressione vanno integrate da quelle riferite al controllo della resistenza del calcestruzzo in opera.”. In questo caso il Laboratorio accetterà e sottoporrà a prova il materiale ed emetterà il relativo certificato, in cui sarà chiaramente indicato, in maniera evidente, visibile e non ambigua per i campioni eventualmente provati oltre il 45° giorno dalla data del prelievo, risultante dal verbale di prelievo redatto dal Direttore dei Lavori, che “ai sensi del §11.2.5.3 del D.M. 17.01.2018 le prove di compressione vanno integrate da quelle riferite al controllo della resistenza del calcestruzzo in opera".
  4. Il §11.2.4 delle NTC18 prevede altresì che: “La media delle resistenze a compressione dei due provini di un prelievo rappresenta la “Resistenza di prelievo” che costituisce il valore mediante il quale vengono eseguiti i controlli del calcestruzzo. Il prelievo non viene accettato se la differenza fra i valori di resistenza dei due provini supera il 20% del valore inferiore; in tal caso si applicano le procedure di cui al §11.2.5.3.”. In questo caso il Laboratorio emetterà il relativo certificato, in cui sarà chiaramente indicato, in maniera evidente, visibile e non ambigua per i campioni per cui la suddetta differenza superi il 20% del valore inferiore, che “ai sensi del §11.2.4 del D.M. 17.01.2018 i risultati non sono impiegabili per i controlli di accettazione di cui al §11.2.5 del D.M. 17.01.2018 e che pertanto dovranno applicarsi le procedure di cui al §11.2.5.3, ultimi tre capoversi, dello stesso D.M. 17.01.2018”

Maggiori e più precise indicazioni potranno essere fornite in seguito all'emanazione della Circolare Esplicativa da parte del Ministero. Non appena disponibile sarà nostra premura darne comunicazione.

News

Laboratorio prove materiali

autorizzato dal Ministero Infrastrutture Trasporti 
art. 59 del DPR 380/01 e art. 20 legge 1086/71
(n° 37877 del 17/12/1993 e succ. rinnovi)

repubblica-italiana

Laboratorio geotecnico

autorizzato dal Ministero Infrastrutture Trasporti 
art. 59 del DPR n° 380/2001
(n° 53659 del 14/07/2005 e succ. rinnovi)

repubblica-italiana

Sistema qualità certificato

UNI EN ISO 9001
UNI CEI EN ISO/IEC 17025
TÜV n° 50 100 4162

tuv

CAPITALE SOCIALE: € 95.000 - Iscrizione Registro delle Imprese REA nr. 15 22 61 C.C.I.A.A. di Cuneo - P.IVA 02064560044